Numeri di fine anno su Storia di Geshwa Olers

copertina breveDopo nove giorni dalla chiusura del primo volume e del tomo di appendici su Feedbooks, eccomi a darvi nuovi numeri sui download. Vi dico già che arriviamo quasi a quota 25.000. Leggiamo:

1° volume – Il viaggio nel Masso Verde (link per l’acquisto cartaceo): 6936.

2° volume – La faida dei Logontras (link per il download): 2953.

3° volume – Il cammino di un mago (link per il download): 7041.

4° volume – La battaglia di Passo Keleb (link per il download): 3112.

5° volume – I ghiacci di Passo Ceti (link per il download): 1629.

6° volume – La guerra dei Gelehor (link per il download): 799.

Appendice tomo I (link per l’acquisto cartaceo della Appendice 1): 2063.

Vi ricordo che il primo volume e la Appendice n. 1 (la fiaba del Taglialegna e la Grande Quercia) sono acquistabili presso il sito di Edizioni PerSempre (anche attraverso alcuni store online, ma fate prima tramite il sito dell’editore).

Volete una piccola news sulla stesura del VII volume? Eccovi accontentati: in questi giorni sono arrivato alla creazione definitiva della traccia, con uno sviluppo che ha sorpreso perfino me stesso, anche dopo avermi sorpreso già altre volte. Ora non mi rimane che completarne la scrittura. Credo di riuscirci entro marzo al massimo. Perciò, se volete o potete, abbiate pazienza. Il sole sulle bianche torri arriverà, sempre su Feedbooks.

Propositi per il 2014

buoni-propositi1Vorrei fare un consuntivo di tutto il 2013, ma credo di non averne le forze. Sono arrivato alla fine dell’anno pieno di energie da un lato, ma anche stanco di certi meccanismi dall’altro. E la ripetizione all’infinito di meccanismi editoriali noti ha la capacità di deprimere chiunque. In ogni caso, posso dire di essere contento di ciò che ho scritto e di quel che ho pubblicato. La serie delle Sette case, edita da Editrice GDS, sta volgendo al termine e ha avuto un discreto successo, mentre è iniziata la nuova versione cartacea di Storia di Geshwa Olers, per i tipi di Edizioni PerSempre. Nuove storie stanno per essere pubblicate, e vedranno la luce i primi mesi del 2014, perciò se siete interessati, rimanete sempre all’erta. Ogni momento è quello buono.

Veniamo ai propositi per il 2014. Non posso non iniziare da quelli che elaborai l’anno scorso, per vedere a quanti sono riuscito a mantener fede. Dicevo:

1 – Completare la pubblicazione online di Storia di Geshwa Olers
2 – Completare la pubblicazione con Editrice GDS di Le sette case
3 – Completare la stesura di Tu sarai l’inizio
4 – Trovare un agente letterario o una casa editrice di prima grandezza
5 – Far girare a mille il motore di Il libro ritrovato
6 – Andare a vivere finalmente per i fattacci miei
7 – Trovare l’amore. Ma questa è un’altra storia.

Quasi nessuno di questi propositi si è concretizzato, oppure quasi tutti. Nel senso che l’1 e il 2 sono quasi al termine, mancano solo il VII volume di entrambe; il 3 è rimasto del tutto inatteso, e passa tale quale al nuovo anno; il 4 ha visto svariati tentativi, tutti falliti miseramente (il che mi ha portato, come si dice, a mettermela via); col 5 ci ho provato, ma le mie due bravissime colleghe e il sottoscritto non siamo riusciti come volevamo, in parte per le difficoltà in Italia di un lavoro basato sui libri e in parte perché io mi sono sfilato per poter attendere al Biennio di Specializzazione in Scienze Religiose (cui il caro governo Monti mi ha gentilmente obbligato, retroqualificando nel contempo il mio contratto di lavoro e facendomi perdere 2000 euro netti l’anno), avviato alla grande con una tesi sul rapporto tra Cristianesimo e neopaganesimo già in elaborazione; il 6 e il 7 sono entrambi a buon punto: potrei dire un bel “stiamo lavorando per voi” (ok, non ve ne frega nulla, lo so).

Veniamo ai propositi per il 2014.

1 – Completare la stesura di Tu sarai l’inizio

2 – Avviare una collaborazione duratura con la nuova casa editrice per la quale uscirà il prossimo (particolare) romanzo horror.

3 – Scrivere tutti i racconti brevi che ho in sospeso da parecchio tempo.

4 – Pubblicare in cartaceo la raccolta di racconti L’alieno nella mente.

5 – Pubblicare in unica raccolta cartacea Le sette case.

6 – Pubblicare in cartaceo almeno il 2° 3° e 4° volume di Storia di Geshwa Olers, più un altro paio di volumetti di appendici.

7 – Andare in vacanza su un bell’isolotto assolato o – in cambio – su una bella grande isola chiamata Sicilia.

8 – Casa e amore: binomio irrinunciabile, da concretizzare per quel 40% che manca. La vita è già qui.

Il taglialegna e la Grande Quercia – un’idea per Natale

copertina breveÈ finalmente in arrivo la versione definitiva della fiaba che apre, per bocca della nonna di Geshwa, Il viaggio nel Masso Verde. Intitolata Il taglialegna e la Grande Quercia, la fiaba è il frutto di tre alberi differenti: una leggenda della Lessinia, una fiaba Estone e una fiaba di Esopo. Ma lascio parlare la quarta di copertina.

Con questo libro inauguriamo la pubblicazione delle Appendici alla Storia di Geshwa Olers. Si tratta della fiaba che all’inizio del romanzo Il viaggio nel Masso Verde nonna Bilette racconta a Geshwa. Se ricordate era intitolata Il taglialegna e la Grande Quercia, ed è la rielaborazione di tre fiabe differenti: una fiaba tipica della Lessinia, nella quale il taglialegna veniva addormentato per evitare che abbattesse l’albero, una fiaba Estone, nella quale il taglialegna entra a colloquio con l’albero, e una favola di Esopo, nella quale il dio Ermes vuole provare l’onestà del taglialegna. La fusione delle tre fiabe ha portato alla creazione di questa storia, nella quale l’onestà del taglialegna viene testata dalla grande quercia e suo figlio ottiene, attraverso prove di vario genere, una vita lunga e fortunata.

Ovviamente seguiranno altri volumetti di Appendici, riproponendo materiale già pubblicato online sul sito di Feedbooks (a tal proposito ricordo che il primo volume e quello di Appendici di Storia di Geshwa Olers saranno disponibili solo fino a venerdì 20 dicembre) e presentando per la prima volta testi e storie inedite, il tutto nella sua definitiva versione.

Questo volumetto, edito come tutta la saga di Geshwa Olers da Edizioni PerSempre, è cartonato e consta di 80 pagine. Il suo prezzo è di 13,90€, ma se lo ordinate scrivendomi in privato, potete averlo con dedica a 10€, ovviamente per un periodo limitato. E allora, perché non fare un regalo di Natale speciale?

A presto. Fabrizio

Geshwa Olers a Hobbiton XX

HobbitonXXCome si legge nel titolo, presenterò i primi due volumi cartacei di Storia di Geshwa Olers, nella loro nuova edizione cartacea per i tipi di Edizioni PerSempre, alla Hobbiton XX, il classico e affascinante appuntamento per gli appassionati di Tolkien e del fantasy. Sarò in compagnia di altri autori della casa editrice, e sarà l’occasione per incontrare tutti gli amici con cui non mi vedo da tempo e tutti coloro che, invece, non conosco ancora ma con i quali, approfittando di queste belle giornate, sarebbe il caso di stringere amicizia. Un dialogo spassionato e uno scambio di idee non fanno mai male!

Perciò, vi do appuntamento a Domenica 15 settembre 20013, a Montefiorino (MO) per le ore 11.00.

Tutti gli store online presentano…

copertina2…due libri ai quali tengo parecchio, e che ho deciso di diffondere personalmente nella loro versione digitale.

Si tratta di “L’alieno nella mente” e “La filosofia del baule“.

L’alieno nella mente è una raccolta che racchiude quasi tutti i miei primi racconti pubblicati singolarmente o in antologie di vari autori, per la prima volta riuniti in un unico libro. Ci sono racconti horror, sci-fi e fantastici, con alcuni inediti. Anticipazione: L’alieno nella mente uscirà anche per i tipi di Edizioni PerSempre nel suo formato cartaceo, cartonato. Chi vorrà stringerlo tra le mani (questo e altri titoli che svelerò prossimamente) non avrà perciò più alcuna scusante! Uomo avvisato (ma anche la donna)…

La filosofia del baule è invece il mio primo poliziesco. Ambientato in una cittadina vicina a Verulengo, Mura, racconta una vicenda che apparentemente ha a che fare con la politica locale e la corruzione. Ovviamente nasconde ben altro. Uscito in un primo momento solo per alcuni giorni con Amazon, ora tornerà a essere disponibile anche in tutti gli store online in formato ePub.

Gli store online sui quali possono essere trovati entrambi sono: IBS, InMondadori, LaFeltrinelli, KoboBooks, Libreria Universitaria, BookRepublic, Ultima Books e molti altri.

Continua a leggere “Tutti gli store online presentano…”

Uno sguardo sul passato di Grodestà

Un assaggio della nuova edizione di La faida dei Logontras, prossimamente per i tipi di Edizioni PerSempre.

I templi di quelle tre divinità si erano diffusi già da qualche decennio. I molti detrattori avanzavano l’ipotesi che fossero stati creati a tavolino dal sedicente gran sacerdote della religione, Abargo l’Altissimo. Molta gente aveva rivolto la sua fede a loro da quando Eus si era macchiato del tremendo silenzio nel corso delle Grandi Guerre, le peggiori che Stedon avesse mai vissuto, quando l’Impero aveva attaccato il Regno di Grodestà cercando di sopraffarlo, con il deciso tentativo di eliminare dalla faccia di Stedon le razze differenti da quelle Umane. Centinaia di migliaia di Gnomi sterminati per disposizione dell’Imperatore di Lobrad, Rabal VIII il Carnefice, e gli Elfi erano stati costretti a ritirarsi definitivamente dai boschi ghiacciati del Settentrione. Le popolazioni libere degli Scimmioni di Tog erano state asservite al potere minaccioso dell’Impero e l’altra metà sterminata senza alcuna pietà. Perfino gli Orsi dell’Est, da millenni organizzati in una civiltà pseudo-umanizzata in equilibrio con gli Elfi Sar-Athonil, erano stati respinti sempre più in territori sconosciuti sotto l’ondata purificatrice instillata nelle popolazioni da una precisa politica di condizionamento mentale, messa in atto dai cattivi maestri di Lobrad. Quindici anni di indescrivibili efferatezze che avevano messo in crisi il pacifico e prima indubitabile rapporto tra le persone ed Eus. La sua colpa più grave era di non aver ascoltato le preghiere delle sue creature. I tre nuovi dèi veicolati dai sacerdoti avevano preso piede e il loro culto si era diffuso dall’Impero verso Settentrione e Oriente, con le sue nuove promesse e speranze, e con fiumi di denaro che i sacerdoti sapevano gestire. Geshwa non aveva mai avuto la tentazione di macchiarsi di quello che avrebbe considerato un voltafaccia alle sane tradizioni, cioè convertirsi al nuovo culto, e quei tre erano per lui solo buffoni. Tuttavia venne a sapere una cosa che lo incuriosì.

Incontri al Pandino Fantasy Books 2013

A sinistra Marta Leandra Mandelli, a destra Edizioni PerSempre (nella persona di Larcher, l'editor"o", al centro, e moglie)
A sinistra Marta Leandra Mandelli, a destra Edizioni PerSempre (nella persona di Larcher, l’editor”o”, al centro, e moglie)

I ragazzi di Linee Infinite sono stati davvero bravi: hanno organizzato un festival di una giornata molto piacevole, ricca e occasione di incontri nuovi e antichi. Ne scrivo giusto due righe per ricordare e ringraziare tutti quelli che sono venuti.

La giornata di ieri, infatti, è stata occasione per rivedere due dei miei editori, Fabio Larcher (Edizioni PerSempre, al cui stand sono stato per tutta la giornata, insolentendolo con le mie frecciate e pressanti richieste) e Simone Draghetti, come sempre molto in gamba nel darsi da fare per dirigere un intero staff di aiutanti. Presenti altri due editori coi quali ho lavorato, Domino e La Corte (che ho rivisto dopo lungo tempo con molto piacere), è stata anche l’occasione per conoscere di persona Gianpiero Grasso di Editrice GDS, con la quale sto pubblicando Le sette case, scambiando pareri e prospettive in comune.

Poi: Fabio Porfidia, Alessio Gallerani, Paola Boni, Giuseppe Pasquali (che ha saputo ristuzzicare il mio amore per il confronto e il dibattito, anche pepato), Davide Galati, Anna Giraldi e Marta Leandra Mandelli, che ieri ho conosciuto più a fondo (e che ho già fatto finire nella mia ragnatela per una serie di presentazioni insieme, vittima ulteriore il nostro editore PerSempre, Larcher). Ma è stata anche la giornata in cui ho conosciuto un personaggio già positivamente incrociato sul web: il mitologico Traz, che ha ricevuto da me e dal mio editore la promessa che Storia di Geshwa Olers uscirà in cartaceo al gran completo nell’arco di un anno circa.

E, si sa, ogni promessa è debito!

Due segnalazioni

Solo due segnalazioni, oggi, per comunicare che sono ancora vivo.

1 – Domani 26 maggio sarò allo stand di Edizioni PerSempre presso il Pandino Fantasy Books 2013, dove sarà in vendita la nuova versione cartacea di Il viaggio nel Masso Verde. Una buona occasione per conoscere in carne e ossa qualcuno con cui fino a oggi ho avuto solo contatti virtuali, ma anche l’ottima occasione per rivedere qualcuno che non vedo da lungo tempo.

2 – Antonia Romagnoli, una delle migliori scrittrici fantasy italiane, segnala il suo disagio relativo all’esperienza avuta con alcuni editori. Per lei è l’occasione di spiegare perché non scriva più sul suo blog, ma per noi è l’occasione di capire come funziona il mondo editoriale italiano (per chi avesse ancora bisogno di suggestioni). Potete leggerlo qui, non perdete l’occasione. Soprattutto, non perdete l’occasione di supportare un’autrice davvero molto brava!

Il viaggio nel Masso Verde – news

f1f80-primavalenzablogOra che è uscita la nuova edizione cartacea di Il viaggio nel Masso Verde, ricominciano le segnalazioni (intanto qui e qui – ringrazio entrambi i siti) e i fan del clan “una stellina solo una” (chi si appresta a votare con il voto minimo gli articoli riguardanti autori che suscitano per strambi motivi il fastidio, tra i quali il sottoscritto).

Inoltre, c’è una nuova intervista, sul blog dell’Editore. La potete leggere qui.