Sassolini/1 – Facebook

Ho deciso di togliermi alcuni sassolini dalle scarpe. Scontenterò molta gente, forse, o forse non scontenterò nessuno (e questo è uno degli argomenti dei prossimi post-sassolini), ma si arriva a un punto in cui bisogna essere sinceri fino in fondo, per la salvezza della propria vita. E sono serio.

Il primo sassolino che voglio togliermi riguarda Facebook, il grande social network che ha modificato la comunicazione in internet… rovinandola. Da quando c’è facebook di mezzo, mai le comunicazioni furono meno efficaci e significative, mai i riceventi furono più disinteressati al contenuto delle stesse e mai ci fu simile moltiplicazione di “eventi” e “pornografia” quotidiana sulla vita di chiunque come quella cui sono costretto ad assistere almeno cento-centocinquanta volte al giorno.

All’inizio pensavo che FB fosse un ottimo mezzo per segnalare iniziative, per farsi pubblicità, per farsi conoscere e per contattare le persone. Lampi e tuoni, nient’altro. Un grande botto e una luce che illumina tutto un paesaggio internetiano in un sol momento (o quasi) e poi torna la notte. Una notte più oscura e profonda di quella in cui le vacche sono tutte uguali. Perché al giorno d’oggi l’esposizione e l’apparire (nemmeno più l’apparenza, ma l’apparire!) contano più della sostanza. E chi appare di più grazie a Facebook è come se brillasse di luce propria, dell’apprezzamento e della condivisione di migliaia di persone. Se a questo si unisce che internet (e la gente) ha la memoria corta, tutto il lavoro di anni rischia di perdersi o apparire nulla in confronto al nuovo fenomeno che emerge. La luce eccessiva rende ciechi, e la grande luce di Facebook rende ciechi la maggioranza dei suoi utenti, che non è più in grado di riconoscere niente, dal momento che tutti sono quasi ugualmente esposti ed esponibili.

Dalla grande sovraesposizione di Facebook alla grande autoconsiderazione il passo è breve (rischio che brucia la barba anche del sottoscritto). Chi è molto seguito sul social network più famoso del mondo e chi riesce a smuovere grandi numeri giunge alla conclusione di avere maggior peso sui contenuti. Ma la maggior parte delle volte la considerazione che riesce ad avere chi ben si muove in FB non è legata alla serietà o alla solida consistenza di ciò che dice, bensì a un gioco di specchi, che aumenta all’infinito il piccolo spazio nel quale siamo racchiusi. In parole povere, l’utilità iniziale di servirsi di questo mezzo è andata via via scemando, e adesso rimangono solo i postumi di una (brutta) sbronza.

Per questo motivo sto riflettendo sull’abbandonare il social network, una volta per tutte.


8 risposte a "Sassolini/1 – Facebook"

  1. Vado ot:
    Fabri, non so se ti può interessare ma ieri notte mi sono sognato un libro che non hai ancora scritto. XD
    Ero sul tuo sito personale e avevo visto un video. L’ho fatto partire e ho pensato “Ah, di questo libro non ha mai parlato!” Poi mi sono reso conto che era una pubblicità per un romanzo giallo di prossima uscita. Non ricordo l’editore, ma so che nel romanzo c’era un uomo che si sentiva minacciato dalla moglie e doveva tagliare una corda di canapa. Ed era qualcosa di cruciale. Lo so che non ha senso alcuno XD ma te lo volevo raccontare. 😆 Sono pazzo?

  2. Iri, lo sta scrivendo. Ormai gli hai dato lo spunto, figurati se si lascia scappare questa trama.

    Comprendo la tua delusione per fb, Fabrizio. Temo che tu abbia posto troppe speranze e illusioni su un network che molti seguono solo per giocare a zombi o Domeforge. Se non ti ci ritrovi più, lascia perdere. Non stare a farne una geremiade. Agisci. Togliti da fb. Adesso.

  3. Vuoi dire che potrei aprire una casa di cur… hem, una casa editrice 😆

    Stai attento però Fabrizio. Io FB non ce l’ho, quindi forse farei bene a stare zitto, ma per te rinunciarci sarebbe solo un modo per essere meno visibile. Poi vedi tu, io parlo sempre nel tuo interesse.

  4. p.s. se ti può interessare proprio ora scrivendo (e non è una battuata) mi è tornato in mente un falsh del sogno. Non so perchè ma l’uomo in un momento si trovava sopra un vecchio ponte.

  5. Ci sono molti setting da sfruttare su Fb, se vuoi… Puoi nascondere i post di determinati contatti, precludere loro la tua bacheca, cambiare le impostazioni in modo che non ti arrivino le notifiche dai gruppi, etc etc.
    😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...