11 – Comprensione

Siamo abituati a pensare che la parola comprendere, comprensione, indichi la capacità di capire qualche cosa. Niente di più sbagliato.

Se guardiamo, infatti, all’aspetto etimologico, la parola comprendere è utilizzata innanzitutto per indicare la capacità di “accogliere all’interno di un certo spazio“.

La comprensione è comprensione dell’intelligenza solo a un patto: che non si consideri ciò che viene compreso alla stregua di una verità oggettiva. La verità oggettiva, infatti, non esiste, perché non esiste nulla che si possa adeguare a una definizione. Ci sarà il momento in cui affronteremo anche il significato profondo (e non banale) del concetto di verità.

Al momento, ciò che è sufficiente capire è che pensare a una verità oggettiva è una modalità banale di pensare alla verità stessa.

Affinché si comprenda qualcosa, questo qualcosa va abbracciato, va accolto in sé e vissuto rendendolo parte della vita. Di qui l’ovvia conseguenza: non si può pensare di riuscire ad accogliere tutto tra le proprie braccia, perché non tutto è a misura delle nostre braccia. Comprendere non è un’impresa titanica e lo scopo della comprensione non è di portare il mondo sulle proprie spalle.

Per riuscire a comprendere di più, è necessario fare quel passo che ci fa crescere come esseri umani: riuscire ad aumentare l’apertura delle nostre braccia, rispettando chi o ciò che abbiamo di fronte.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...